Da venerdì 23 giugno sarà in radio il nuovo singolo di Marco Ligabue, “IL MISTERO DEL DNA”, titletrack dell’album uscito il 10 marzo.

Anche in un momento in cui il rock è spesso fuori classifica e sembra fuori moda – spiega Marco – rimane uno dei miei generi preferiti; di certo il più entusiasmante: per questo brano ho rispolverato la mia vena più rock”.

Ma perché “IL MISTERO DEL DNA”? Una ricerca stima che, durante i 200.000 anni di evoluzione dell’uomo moderno, sulla Terra fino ad oggi hanno vissuto 57 miliardi di esseri umani ovvero 57 miliardi di DNA differenti! La canzone parte da una riflessione sulle cose che contano e che ci girano attorno, sui tanti dubbi e le poche certezze, sui nostri sogni e le nostre paure.
Poi, però, nel ritornello arriva una domanda più grande di noi: qual è il mistero del dna? L’unica certezza, canta Marco, è che ognuno di noi è un filo unico e irrepetibile nell’intricata rete della vita. Il DNA fa la nostra firma per sempre.

Marco Ligabue, uno dei cantautori più richiesti nelle piazze italiane, da gennaio ad oggi ha già all’attivo 70 appuntamenti live. Le premesse sono da ennesima annata record!

Segui gli appuntamenti live di Marco su facebook

Ecco il testo della canzone:

IL MISTERO DEL DNA
Voglio un lunedì con vista mare
in questa vita che faccio fatica a capire
me lo merito pure
conta ogni passo conta l’impronta
conta crearsi una prossima volta
conta la meta perché male che vada
anche il deserto diventa una strada

conta entrare nei bar di Caracas
l’America è uscita da una rotta sbagliata
conta che quando il mare ti aspetta
cammini pure sulla sabbia che scotta

e poi c’è il mistero del dna
lui che semplicemente
in questo mare di gente
fa la tua firma per sempre
e poi c’è il mistero del dna
questa mina vagante
che tra tante domande
la tua risposta più grande

voglio un lunedì con vista mare
che non ho ancora capito come far combaciare
ricevere e dare

conta l’incontro di persone gemelle
conta il destino e conta la pelle
conta l’armadio e gli scheletri dentro
conta sapere che nessuno è un santo

conta Bukowski o conta il suo mito
conta il poeta o il tormentato
conta che il mondo va sempre di fretta
ma c’è chi si ferma e addirittura ti aspetta

e poi c’è il mistero del dna
lui che semplicemente
in questo mare di gente
fa la tua firma per sempre
e poi c’è il mistero del dna
questa mina vagante
che tra tante domande
la tua risposta più grande

conta il viaggio ma anche la sosta
conta la foto nell’intervista
conta un fiore in mezzo all’asfalto
più del parcheggio quando sei in ritardo

e poi c’è il mistero del dna
lui che semplicemente
in questo mare di gente
fa la tua firma per sempre
e poi c’è il mistero del dna
questa mina vagante
che tra tante domande
la tua risposta più grande