Skip links

MUSICA & VIDEO

Acquista i miei dischi

Amazon

iTunes

Music First

Marco inizia la sua carriera da cantautore nel 2013, ma il suo percorso da musicista comincia molto prima e dopo 20 anni da chitarrista e autore, nelle band Little Taver e i Rio, esordisce con il primo singolo “Ogni piccola pazzia” e il suo album d’esordio, “Mare Dentro”, è arrivato subito al 16esimo posto in classifica FIMI a cui sono seguiti gli album “L.U.C.I. (Le Uniche Cose Importanti)” e “Il mistero del DNA”.

Oltre ai tre Album, Marco fa uscire diversi singoli negli ultimi due anni “Che Bella Parentesi”, “Quante Vite Hai” e “Altalena”. Inoltre, essendo Marco molto impegnato nel sociale, sono uscite diverse tracce a scopo benefico, spesso in collaborazione con altri artisti anche internazionali.

Nel 2020 Marco annuncia di essere in procinto di far uscire una raccolta di singoli affiancati da alcuni inediti.

Ogni anno Marco si esibisce in numerose Piazze Italiane portando il suo spettacolo composta da due ore di storia del Rock, classici Italiani e suoi brani originali, negli ultimi 6 anni ha raggiunto quota 600 concerti!

Lyrics

L’indispensabile fonte del mondo

È una collana col cuore nel centro

da sfiorare con mano

Da invecchiare col vino

l’antidoto a qualsiasi veleno

Sto cercando la direzione

come gli uccelli al cambio di stagione

La strada è piena di buche

C’ha le ore contate

quante ne abbiamo già passate

Quando all’ora di punta c’era traffico

Io e te con la vita abbiamo alzato il gomito

_________

Che bella parentesi

Che siamo io e te

Contrari ed identici

Tra spazi e parole

Bianco e nero e colore

Tranquilla se piove

l’inchiostro rimane

_________

Se parliamo di sentimenti

ci prendon tutti per deficienti

Le nostre anime

Dentro le scatole

Fuori han la scritta fragile

Questi siamo noi

Magari non ci capiranno mai

Chi rinuncia all’amore

È come quel tale

Che paga da bere te lo fa pesare

In questo paesaggio malinconico

Io e te con la vita abbiamo alzato il gomito

_________

Che bella parentesi

Che siamo io e te

Contrari ed identici

Se mi lasci ti cancello

Faccio un grande bordello

l’amore è un tranello

ci frega per quello

_________

Tra spazi e parole

Bianco e nero e colore

Tranquilla se piove

Il nostro inchiostro rimane

Don Camillo e Peppone

America e Russia

Vino e birra

Saviano e camorra

Semplici e complicati

Spesso sbadati

Fragili e duri

quelli sempre immaturi

più notte che giorno

Più andata che ritorno

(Siamo) quel rompicapo

Che l’amore c’ha dato

Non ce l’abbiamo fatta

a ricucire tutto

potevamo usare l’attack

Ma ormai s’era distrutto

Sembrava un film di quelli a lieto fine

poi il colpo di scena

titoli di coda

non ce l’abbiamo fatta

a dimenticare tutto

Sotto con un nuovo hastag

Metabolizziamo il lutto

Un cuore immune al virus dei ricordi

Farebbe al nostro caso

Sarebbe già d’aiuto

quante impressioni di settembre che ho

le sento ancora

resto da solo in mezzo al letto però

stanotte non dormirò

aiutami a dimenticarti

per questa sera

anche se fuori c’è sereno

e luna piena

dentro una camera d’albergo

sarà bufera

ed ho capito cos’è il tempo

è un’altalena

aiutami a dimenticarti

aiutami a dimenticarti

dentro ai ricordi di un cortile

una vita intera

una bambina e poi una sposa

e un’altalena

ti immagini l’inverno

con il fumo sulla bocca

rivedersi dopo mesi

soli nella stessa piazza

Mi chiederai della mia barba incolta

E se ho dei sassolini – poi fuori i sassolini

Dentro qualche scarpa – rimasti nella scarpa

solo strada facendo lo so

che il tempo ci cura

resto da solo in mezzo al letto però

stanotte non dormirò

aiutami a dimenticarti

per questa sera

anche se fuori c’è sereno

e luna piena

dentro una camera d’albergo

sarà bufera

ed ho capito cos’è il tempo

è un’altalena

aiutami a dimenticarti

aiutami a dimenticarti

dentro ai ricordi di un cortile

una vita intera

una bambina e poi una sposa

e un’altalena

Non avevo previsto che

Se non sei tu a spingere

Sento che scricchiola

aiutami a dimenticarti

per questa sera

anche se fuori c’è sereno

e luna piena

dentro una camera d’albergo

sarà bufera

ed ho capito cos’è il tempo

è un’altalena

oh oh oh

aiutami a dimenticarti

aiutami a dimenticarti

dentro ai ricordi di un cortile

una vita intera

una bambina e poi una sposa

e un’altalena.

Le parole giuste

Le trovo appena te ne vai

Magari le scrivo

E al primo bicchiere te le invio

E anche se in tanti mi hanno detto che amore

Fa rima con paure

E anche se di consigli ho la collezione

Quando mi guardi

Consigli non ce n’è

Quante vite hai

Per tutte mi volevo prenotare

Chi se ne frega poi

Se a volte ci dovremo sopportare

Quante vite hai per me

Cosa mi ha colpito

È stato uno sguardo in una folla intera

Colpito e affondato

In tutto questo mare una goccia di fortuna

Tenere i piedi in tante scarpe è diventato

Quasi normale

Ma tenere chiuse le farfalle nella gabbia

Sembrava illegale

Fuori com’è 

Quante vite hai

Per tutte mi volevo prenotare

Sbaglio sempre sai

Vorrei che fossi tu la mia eccezione

Quante vite hai per me

Metti che di colpo

Di colpo mi sveglio

Era un sogno, sogno o realtà

Comunque buongiorno

La moka intanto va

Sei l’unico effetto collaterale

Quante vite hai

Per tutte mi volevo prenotare

Chi se ne frega poi

Se a volte ci dovremo sopportare

Uniamo i punti dai

Per dare forma alle costellazioni

Tu chiamale se vuoi
Come cantava Lucio emozioni

Quante vite hai per me